IN SARDEGNA NON C'E IL MARE

IN SARDEGNA NON C'E IL MARE
Ficha Técnica
Editorial:
LATERZA, EDITORI
Año de edición:
Materia
NARRATIVA-RELATOS DE VIAJES
ISBN:
978-88-420-8292-7
EAN:
9788842082927
Disponibilidad:
Sin estoc
Idioma:
ITALIA

9,00 €
Comprar

"Qui il silenzio è impregnato di una strana, inspiegabile inquietudine, quella dei padri pastori, probabilmente. È l'epica di una Barbagia troppo spesso vittima della sua stessa epica. È un posto senza malìe, è quello che appare: una storia scritta sulle facce, su ogni masso di granito, su ogni ciottolo di fiume dei selciati".

"La Barbagia d'inverno dunque. Per un barbaricino l'inverno è quasi una condizione naturale. Certo per chi è abituato a pensare alla Sardegna smeraldizzata, alla Sardegna come regione monostagionale, può sembrare una stranezza pensare alla montagna, al clima alpino, al freddo secco, alla neve… Eppure basta voltarsi dal mare alla terra e si possono vedere le montagne che si gettano nell'acqua. Dentro a quelle montagne abita la sostanza di un territorio molto folklorizzato, ma ancora sconosciuto nella sostanza. Il territorio barbaricino rifiuta, direi quasi geneticamente, il concetto di ‘divertimentificio’, la costa barbaricina rifiuta la condizione di ‘Caraibi del Mediterraneo’, che tanto piace ai tour operators improvvisati e ai turisti da gossip. Chi navigasse da Posada ad Arbatax lo capirebbe al volo. Chi cioè passasse per mare dalla costa gallurese, quella dove è sempre estate, a quella barbaricina dove le stagioni si alternano, vedrebbe a occhio nudo la differenza. È proprio l'inverno che dà alla Barbagia quella profondità di territorio vivo, che differenzia il viaggiatore dal vacanziere. Perché come l’estate sostanzia il mare, l’inverno sostanzia i monti… a Nuoro, in Barbagia, d’inverno… Se veniste da queste parti, dunque, dove sono nato io, dovreste affrontare il tratto più straordinario dell'intera strada statale 131, dal mare fino all'interno, salendo appena sareste gratificati nella vista e nell'olfatto. Da Olbia a Nuoro tutto profuma. Prendetevela comoda, fateli lentamente, col finestrino abbassato, quei cento chilometri scarsi di verde e d'azzurro, di pini, di lentischio, vigneti, querceti; di mare e montagne che si baciano. Nuoro è più in là, seminascosta, sull'altipiano."

Con penna tenera e crudele Marcello Fois si racconta e racconta la sua Sardegna, i profumi, la luce, il pregiudizio della ‘sarditudine’, la Barbagia – una Sardegna, una delle tante.

Otros libros del autor Ver todos

SEMPRE CARO
MEMORIA DEL VACÍO
FERRO RECENTE
DURA MADRE
NULLA

Otros libros de NARRATIVA-RELATOS DE VIAJES Ver todos

MAN BELONG MRS QUEEN
VIAJES. CRÓNICAS E IMPRESIONES
UN CAMARA EN EL DAKAR
TOKAJ-HEGYALJA
CITA EN FISTERRA